Stimolare il linguaggio con i giusti atteggiamenti: mamma e papà potete fare molto!

settembre 2011 parigi 092Come aiutare il vostro bambino ad esprimersi meglio? Perchè si rifiuta di ripetere?Perchè sembra così poco interessato al linguaggio? Come intervenire quando dice male una parola o se non lo capisco?

Ogni giorno me lo chiedete qui sul blog, attraverso Facebook o scrivendomi una mail.

Una delle preoccupazioni più diffuse, per esempio, è che il bambino sembra poco interessato al linguaggio e quindi voi avete decisamente la sensazione di chiedergli troppo e vi sentite invadenti nei suoi confronti.

Certo immagino che abbiate le vostre aspettative rispetto al linguaggio, cosa assolutamente comprensibile (se il vostro bambino è in un’età compresa tra i 18  mesi e i due anni e mezzo), ma forse è bene fare tutto il possibile perchè queste aspettative siano realistiche e guidate da una certa consapevolezza sul tema.

A casa potete fare molto, soprattutto a livello di modalità comunicativa e tanto più quanto più è piccolo il vostro bimbo. Ho deciso allora di riassumere in questo articolo tutti i link ai principali post che qui sul blog parlano proprio di come stimolare in modo positivo il linguaggio, eccoli:

 
 
 
 
 

I consigli contenuti in questi articoli sono validi sia per i bambini piccoli che stanno imparando a parlare, sia per quei bimbi che fanno fatica con il linguaggio. Lo scopo di questi suggerimenti è di rasserenare il clima comunicativo e spogliare il linguaggio del carico di aspettativa da parte di voi genitori.

Tuttavia, purtroppo, non può essere un sostitutivo del trattamento logopedico specifico sul linguaggio se necessario.

Spero che questi spunti  spunti di riflessione vi siano utili, ma se desiderate approfondire, vi segnalo questo Quaderno per genitori: Strategie utili al benessere comunicativo, cliccate sull’immagine per scaricare l’anteprima.

LESSONS (3)

Share Button

6 pensieri su “Stimolare il linguaggio con i giusti atteggiamenti: mamma e papà potete fare molto!

  1. Giovanna del giudice says:

    Come esperta in glottodidatrica infantile e insegnante di lingue seguendo la neurolinguistica mi interessa approfondire gli aspetti dell’acquisizione del linguaggio nei bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *