Chi è il logopedista?

 IMG_3201
Il logopedista è il professionista sanitario che si occupa dei disturbi di linguaggio e della comunicazione nell’età infantile e nell’età adulta.
Le sue competenze sono molto vaste, ecco i principali ambiti di intervento:

disturbi della voce (disfonie)

I disturbi della voce, tecnicamente disfonie, sono molto diffusi sia nella popolazione adulta che tra i bambini.

Per quanto riguarda gli adulti, le disfonie sono tipiche di alcune professioni dove è necessario usare molto la voce, per esempio gli insegnanti.

In generale l’uso scorretto della voce è molto comune e anche nei bambini è spesso presente: bambini che urlano molto, che usano la voce in modo esplosivo possono creare un danno alle corde vocali e ritrovarsi molto di frequente senza voce, con possibili gravi conseguenze sopratutto a lungo termine quando ci sarà la muta vocale (passaggio alla voce adulta).

Puoi approfondire con questo articolo: Bambini che urlano, povera voce!

disturbi del linguaggio

I disturbi del linguaggio possono essere di varia natura e gravità, i più comuni sono:

  • ritardo di esordio, cioè bimbi piccoli che tardano a parlare
  • Evoluzione lenta, cioè bambini che parlano, ma progrediscono molto lentamente.
  • Disturbi fonologici o disprassie: cioè dove il bambino ha difficoltà nel produrre correttamente i suoni o le forme delle parole.

balbuzie

Molto diffuse, le balbuzie sono uno dei disturbi che crea maggior impatto sulla vita della persona che ne soffre (o sulla famiglia, nel caso dei bambini). Anche questo è ambito privilegiato del logopedista ed è possibile, contrariamente a quanto comunemente si pensa, intervenire anche molto preso. L’intervento precoce o il counseling alla famiglia ha come obiettivo principale di evitare che si inneschino scorrette reazioni da parte dei famigliari e che quindi si crei un ulteriore disagio al bambino.

disturbi della comunicazione – autismo

In questo caso le difficoltà linguistiche sono secondarie a un disturbo più ampio che riguarda i prerequisiti del linguaggio, come l’intenzionalità comunicativa, l’attenzione condivisa, la pragmatica. In questo caso la diagnosi precoce e l’intervento mirato e multiprofessionale diventa importantissimo per offrire al bambino che ne soffre la maggiore possibilità di avere uno sviluppo il più vicino possibile a quello dei coetanei.

deglutizioni disfunzionali – disfagie

Alcuni bambini presentano una deglutizione che non matura nel modo giusto e questo provoca alterazione della dentatura e conseguenze più o meno accentuate anche a lungo termine, come problemi posturali o dolori temporo-mandibolari. In questo caso il logopedista collabora attivamente con l’ortodonzista per permettere uno sviluppo facciale migliore possibile e ridurre al minimo l’uso di apparecchi ortodontici o evitare recidive.

Le disfagie invece sono disturbi più gravi in cui il soggetto, per cause organiche di diverso tipo, si trova impossibilitato ad assumere cibo. La maggior parte di questi disturbi necessita di un’equipe di tipo ospedaliero o di una collaborazione tra servizio ospedaliero e logopedista territoriale che segue la famiglia.

afasie

Il Logopedista si occupa anche di riabilitazione del linguaggio nei danni cerebrali; i più diffusi disturbi del linguaggio sono causati da ictus o traumi cranici.

Come potete leggere, il logopedista concorre quindi in moltissimi tipi di disturbi alla diagnosi, riabilita le disfunzioni linguistiche e comunicative, fa prevenzione.Detto questo, è facile intuire che UN logopedista non può saper fare tutto bene. Solitamente ci si specializza in uno o due ambiti, perché è impossibile sapere trattare tutte le patologie, soprattutto se si considera che è necessario tenersi continuamente aggiornati ed al passo con le ultime conoscenze scientifiche. Anche all’interno dello stesso campo, ad esempio i disturbi di linguaggio, è molto diverso occuparsi di un bambino in cui la funzione linguistica è in fase di sviluppo, da un adulto in cui il linguaggio è già presente e subisce un danno in seguito ad un ictus o un trauma cranico.

Per questo motivo il logopedista lavora in collaborazione con altre figure quali neuropsichiatra infantile, psicologo, fisioterapista, otorinolaringoiatra, fisiatra, foniatra: ed è proprio questa anche la scelta che ho fatto per la mia professione, cioè cercare di creare un gruppo multidisciplinare che potesse raccogliere e soddisfare le diverse necessità dei pazienti.
Il logopedista ha un preciso profilo professionale che riporta in modo dettagliato ambiti e competenze, e un codice deontologico.
Sarò lieta di raccogliere vostre richieste su argomenti che vi interessa particolarmente conoscere e spero di potervi togliere molte curiosità. 
***
Se desideri prenotare un esame del linguaggio o una consulenza, ecco il sito Logopedia Parma
logopedia blu
Share Button

4 pensieri su “Chi è il logopedista?

  1. Cris says:

    Salve sono una mamma di un bimbo di 4 anni
    Ieri la maestà mi ferma all asilo e mi d e che secondo lei il bambino avrebbe bisogno di una visita logopedistica perché il bambino parla veloce e nn si capisce e se una bambina gli parla lui nn risponde ( ma per me perché si vergogna ) a casa parla di continuo tanto che nn fa parlare noi genitori . e vero però che dice parole che a volte nn si capiscono secondo lei ?

    • Ella says:
      Ella

      Salve Cristina, benvenuta.
      In effetti a 4 anni il linguaggio dovrebbe essere sostanzialmente ben strutturato e comprensibile. Le suggerisco di parlarne col suo pediatra al fine di concordare una valuatzione sul linguaggio. le ricordo che il primo passaggio è fare una valutazione linguistica, questo non necessariamente comporta poi un successivo trattamento sul linguaggio. Mi tenga aggiornata 🙂

  2. Diana says:

    Salve, mi chiamo Diana e sono una mamma di 2 gemelli di 3 anni appena compiuti.
    Ho un problema con uno dei due che si chiama Matteo. Premetto che non dice il suo nome.. solo negli ultimi 3 mesi sono riuscita a farglielo ripetere e gli esce una specie di “gnatteo”.. Per dire ad es: “io ho trovato questo” dice: io vato questo.. In poche parole abbrevia quasi tutte le parole, le dice male e in questi giorni ho notato che fa molta fatica con la “T” (tappo è pappo). Nell’attesa di rientrare dalle ferie e valutare con il pediatra un percorso con il logopedista, ha qualche suggerimento in merito?Un libro? Io provo a fargliele ripetere correttamente le parole, ma dopo la seconda volta mi dice “mamma batta, no voglio pù”. Tra l’altro ho capito che lui il suo nome non me lo voleva dire perchè si vergogna del fatto che non lo sa dire correttamente. La ringrazio in anticipo.

    • Ella says:
      Ella

      Ciao Diana, sconsoglio il fai da te, infatti i bambini spesso non gradiscono che sia il genitore a correggerli. Chiedere di ripetere è una modalità poco utile, perchè molto frustrante, come tu stessa hai potuto notare. Ti suggerisco di leggere il blog dove trovarai tanti suggerimenti utili, in particolare penso potrebbe servirti un libretto: di cui puoi scaricare un’anteprima gratuita prima di decidere se acquistarlo. In bocca al lupo 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *