Linguaggio

Il linguaggio del bambino 18-30 mesi. Cosa fare se il tuo bambino parla poco?

Tra i 18 mesi e i due anni e mezzo tutti i genitori iniziano ad aspettarsi che il proprio figlio parli non dico come un piccolo adulto, ma che comunque usi le parole in modo adeguato al contesto, che sia interessato al linguaggio e che più o meno si faccia capire un po’ da tutti.

Non sempre questo succede o magari succede, ma con un po’ di fatica e “non come gli altri bambini”.

E’ proprio in questa epoca, tra i 18 e i 30 mesi, che molti di voi mi scrivono con mille dubbi, e non a torto: mi devo preoccupare? Pecco di eccessiva preoccupazione se lo faccio già vedere a “qualcuno”? (leggi logopedista e/o neuropsichiatra infantile o neuropsicologo) E’ colpa mia? Cosa posso fare per aiutarlo?

Naturalmente rispondo e continuerò a rispondere a tutti in modo personalizzato quando me lo chiederete, ma ho deciso di riassumere in questo post tutti gli articoli già presenti sul blog che rispondono in modo abbastanza esaustivo a tutti questi dubbi:

In fondo ai post, troverai anche molti commenti dei genitori: penso ti saranno altrettanto utili e ti faranno sentire meno solo. Se le risposte che cerchi non ti arrivano da questi articoli, puoi seguire anche altre strade.

  • Fai una bella chiacchierata col tuo pediatra, esponi in modo chiaro quali sono le tue preoccupazioni, sono certa che se spieghi bene i dubbi che ti assillano, riceverai indicazioni su cosa fare e come muoverti;
  • Puoi entrare nel gruppo Facebook per soli genitori Mamma Logopedista Risponde, nel quale troverai anche alcuni video in cui spiego un po’ di cose utili (devi rispondere alle 3 domande, altrimenti non ti inserisco);
  • Se non ti basta, è probabile che i tuoi interrogativi abbiano bisogno di un piccolo approfondimento; perché non approfittare di una consulenza online? Breve e facile da prenotare, al termine ti fornirà indicazioni precise su cosa “tenere d’occhio” o se rivolgerti a un professionista;
  • La strada migliore che puoi seguire è quella di prendere un appuntamento con un logopedista della tua zona per una consulenza o per una verifica delle abilità linguistiche del tuo bambino, infatti è possibile farlo anche se il bambino è molto piccolo. Nulla di traumatico, in genere si tratta di una seduta di gioco con mamma e papà! In questo caso, dopo la valutazione, riceverete utili indicazioni su come stimolarlo e quali atteggiamenti sia meglio tenere per sostenere lo sviluppo linguistico del vostro bambino. 
Alcune mamme hanno trovato utile tenere un Diario del Linguaggio secondo queste indicazioni:  
Come tenere un diario del linguaggio – Clicca QUI per scaricare un’anteprima gratuita.

Un consiglio che nasce dalla mia esperienza professionale è di non restare in attesa che qualcosa cambi, se questa attesa significa restare in ansia; spesso succede che l’attenzione al linguaggio del bambino diventi eccessiva e che si perdano i buoni equilibri comunicativi nell’intento di “farlo parlare“. Meglio toglierseli questi dubbi, vi aspetto!!

***

Approfondimenti:

Strategie utili al benessere comunicativo, cliccate sull’immagine per scaricare l’anteprima.

LESSONS (3)

Share Button

11 commenti

  • Valeria

    Ho appena acquistato il libro, lo attendo con ansia 🙂
    spero che ci possa aiutare a sostenere il percorso di apprendimento per nostro figlio che a 31 mesi parla davvero poco…
    Ci siamo già sentite per e.mail, spero di poter dare aggiornamenti a breve positivi

  • paola

    Ciao io sono la mamma di Mario che compirà 30 mesi tra qualche giorno.Lui dice non sempre una 20a di parole,ha un linguaggio tutto suo ma se la parola gli interessa la ripete e in compenso capisce tutto quello che gli dico e’ vivace e interagisce con noi e adora giocare,ma con gli altri e’ molto timido.Ho letto di alcune tecniche e ora ne ho letto di nuove che proverò.Mario non va all’asilo ancora e non ha contatto con altri bimbi e per molti mesi dalla nascita è stato spesso coi nonni causa le molte ore di lavoro mie e del papà e con loro qualche parola in più la imparava.Ora sembra più lento e su consiglio della pediatra,che mi ha detto di non preoccuparmi fino ai 3anni,gli sto facendo vedere molti più libri e a lui alcuni piacciono.Se guarda i cartoni interagisce anche con quelli,tipo se il personaggio suona lui suona e adora la musica e prova da qualche giorno anche a cantare guardando un cartone che gli piace molto.Ora sto pensando che probabilmente ho sottovalutato il fatto che avesse bisogno di parlare più con me e il papà da 4/5mesi e ho paura che lo abbiamo bloccato. Sto cercando di rimediare e spero non abbia un ritardo del linguaggio.Mi chiedevo che posso fare per rimediare e c’è il rischio che abbia un ritardo col linguaggio?Grazie Paola

    • Ella

      Ella

      Ciao Paola. Guarda, è improbabile che voi abbiate causato un danno, non lo avete mica abbandonato in mezzo al nulla! 🙂 era con i nonni e normalmente stimolato, penso. Probabilmente lui ha una fragilità sua sul versante linguistico che potrebbe recuperare in modo spontaneo oppure avere bisgono di un aiuto specifico. Si può definire un parlatore tardivo, sarebbe utile una valutazione per ricevere i giusti consigli da parte di un professionista e valutare se abbia bisgono oppure no di un intervento. In ogni caso tutto quello che state già facendo va molto bene, continuate così 🙂

  • Sarah

    Ciao sono Sarah,mio figlio ha 28 mesi e dice pochissime parole..
    A volte dice mamma papà a volte dice nonna.In questo periodo quando dico quanti anni devi fare lui mi dice Tre..
    Poi quando canto la canzone della bella lavanderina lui fa la giravolta e ride mi fa le carezze quando glielo chiedo,appena gli dico vuoi l’acqua viene subito a prendere il bicchiere va in ludoteca perché io e il papà lavoriamo ma non so perché parla poco io ho un po’ di ansia!!

  • Concetta

    Salve dottoressa mio figlio ha 30 mesi e non parla sono davvero in ansia dice solo mamma quando piange e vuole che lo prendi in braccio dopodiché niente

    • Ella

      Ella

      Come spesso dico: attivarsi e non preoccuparsi. 🙂 Dovrebbe parlarne col pediatra e seguir le indicazioni che ha letto qui. Inoltre può continuare a leggere gli articoli qui sul blog che sono pieni di suggerimenti. Un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *