Leggende metropolitane sul lavaggio nasale

di Elisabetta Sartori, logopedista

Da alcuni anni mi occupo della riabilitazione della respirazione nasale e per farlo utilizzo il lavaggio nasale, in particolare quello praticato con la tecnica del Neti Lota (nell’immagine sopra puoi vedere la piccola brocca che si utilizza allo scopo).

La mia esperienza personale quotidiana con questo meraviglioso strumento mi ha permesso di conoscerlo a fondo e di capire quali sono gli accorgimenti per proporlo nel modo migliore e più efficace.

Nel tempo mi sono resa conto che ci sono delle idee preconcette negative sul lavaggio nasale e ho cercato di raccoglierle in questo articolo per sfatarle.

Provoca dolore mentre lo si fa: FALSO

Postura corretta del capo, giusta quantità di sale e temperatura adeguata sono gli ingredienti per praticare un lavaggio assolutamente indolore ed efficace. Per quanto sia semplice, però, è meglio impararlo con qualcuno che conosca questa metodica e che la faccia sperimentare di persona.

I bambini lo rifiutano. FALSO

I bambini percepiscono l’ansia e la tensione di chi glielo fa fare, per questo sarebbe opportuno che anche l’adulto lo praticasse prima di proporlo al bambino e ne divenisse esperto. Ci sono dei simpatici giochi per far sì che il bambino lo viva in modo divertente. Lo chiedono loro stessi nel momento in cui si accorgono di sentirsi meglio e dei benefici annessi.

In particolare vorrei dire che i neonati piangono le prime volte che viene praticato, non perché faccia male ma perché non capiscono cosa stia succedendo. Tutti i genitori che lo utilizzano con i figli fin da piccoli , mi riferiscono uno stato di salute generale mediamente migliore rispetto a chi non lo utilizza.

Bisogna usare acqua sterile o soluzione fisiologica e non acqua di rubinetto. FALSO

Su alcuni siti si trova l’avviso che le nostre acque possono essere infestate da non meglio precisati batteri o altro. In realtà quando l’acqua è potabile, non ci sono problemi ad utilizzarla anche per il lavaggio. Nel caso di dubbio o di calcare eccessivo è sufficiente bollirla. Poi comunque leggere in questo articolo come preparare un’acqua fisiologica fai da te.

meglio usare acqua senza sale. FALSO

Il sale nella giusta quantità serve a non sentire dolore; inoltre il sale funge anche da antibatterico.

Togliendo le adenoidi si risolve il problema respiratorio. FALSO

Il bambino con adenoidi ipertrofiche respirerà sicuramente meglio una volta tolte. I genitori riferiscono quasi sempre la scomparsa del russamento. Questo però non vuol dire che automaticamente diventerà un respiratore nasale. Spesso la respirazione resta orale e solo con un attento percorso logopedico respiratorio è possibile assicurare il raggiungimento della respirazione nasale. In caso contrario, possono verificarsi delle recidive, ovvero la ricrescita delle adenoidi o comunque un perdurare dei sintomi che hanno portato all’intervento.  

Puoi leggere un approfondimento qui: Adenoidi e respirazione orale.

Differenze d’uso fra siringa e neti lota

La siringa è il miglior mezzo alternativo nel caso di bimbi sotto i 3 anni o di persone con disabilità fisiche e/o mentali. In questi casi dobbiamo far entrare l’acqua con una certa pressione per pulire meglio le cavità nasali.

In tutte le altre situazioni la pressione non è necessaria perché dovrebbero essere eseguiti al termine del lavaggio dei semplici esercizi di asciugatura (il naso per natura deve essere asciutto) e ventilazione che permettono una migliore ossigenazione della mucosa e al soggetto una gestione attiva della propria problematica respiratoria. Bambini che non sanno soffiare il naso, spesso lo imparano immediatamente dopo il primo lavaggio.

 

***

Dott.ssa logopedista Elisabetta Sartori, c/o centro Kinesi, via Pranzelores 9, Trento

Contatti: 3491403383 – e.sartori@libero.it    Fb: neti lota fanpage

Share Button

2 pensieri su “Leggende metropolitane sul lavaggio nasale

  1. Verena says:

    C’è qualcuno che può insegnare la tecnica a Bolzano e dintorni?Ho provato a fare lavaggi con la siringa,ma provo dolore..E ho notato miglioramenti netti col raffreddore.Per cui mi piacerebbe molto acquisire la tecnica.

    • elisabetta says:

      Buongiorno, mi farebbe molto piacere insegnarle il lavaggio. Possiamo organizzarci facilmente visto che siamo abbastanza vicine. Mi trova al 3491403383

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *