Come nasce un Patto Logopedico?

di Giovanna dal Ben, logopedista

Ogni persona è diversa da un’altra, poiché possiede un proprio bagaglio di idee, pensieri.

Quindi anche tutti gli utenti con cui un terapista, qui nello specifico un logopedista, entra in contatto sono differenti e la relazione che si crea con ognuno di loro è unica.

Nel caso di bambini e ragazzi, la relazione logopedica riguarda il bambino o il ragazzo, la sua famiglia (mamma, papà, nonni), la logopedista, le sue insegnanti ed ovviamente anche le altre figure professionali con cui l’utente si relaziona, ad esempio il neuropsichiatra infantile, lo psicologo, il terapista occupazionale, lo psicomotricista e il fisioterapista. Continua a leggere

Balbuzie: tra falsi miti e verità. Cosa fare: aspettare o intervenire?

di Roberta Perosa, Logopedista

***

Da anni mi occupo di balbuzie, ma mi rendo conto che ci sono ancora molti luoghi comuni da sfatare, falsi miti che fanno fatica a scomparire e molto spesso le domande che mi pongono i genitori durante i primi colloqui riportano frequentemente gli stessi dubbi.

Partendo da qui, perché allora non spiegare meglio cos’è la balbuzie e cercare di rispondere a quelle domande che più volte ci vengono poste?

Cercare di fare chiarezza mi sembra il primo passo per entrare in questo mondo, dove c’è ancora tanto da scoprire!

Quest’articolo è quindi indirizzato a tutti i genitori di bambini che balbettano e a tutti coloro che sono interessati ad avere risposte sulla balbuzie, capire cos’è e che cosa si può fare al giorno d’oggi.

Il mio intento è di diffondere ciò che ogni giorno mi insegnano i miei piccoli pazienti, perché “la balbuzie è molto più del semplice fatto di balbettare”.

Partiamo quindi dalla prima domanda:

Cos’è  la Balbuzie?

La balbuzie è un disordine del ritmo della parola, nella quale la persona sa con precisione ciò che vorrebbe dire, ma nello stesso tempo non è in grado di dirlo a causa di arresti, ripetizioni e/o prolungamenti di un suono, che hanno carattere di involontarietà” (O.M.S., 1997).

Ma è anche molto più di questo, è un disturbo del parlare, ma anche del non parlare. Può capitare che il bambino che balbetta rinunci a dire quello che vuole per la paura stessa di balbettare o che  metta in atto una serie di comportamenti disfunzionali volti a superare le sue difficoltà. La balbuzie è disturbo della fluenza verbale molto complesso ed è causato da una serie di fattori (fisiologici, psicologici, genetici e da variabili ambientali), proprio per questo si parla di disturbo multidimensionale. Continua a leggere

Leggere rende liberi: pensieri sulla lettura per e con i bambini

 

di PAROLIAMO

“Vorrei che tutti leggessero. Non per diventare letterati o poeti, ma perché nessuno sia più schiavo.” (Gianni Rodari)

 

Nel lavoro della nostra équipe, formata da tre logopediste e un consulente professionista sistemico-relazionale, sempre più fondamentale ci appare il coinvolgimento della famiglia fin dal primo colloquio di presa in carico.

L’esperienza ci sta dimostrando l’importanza di considerare e valorizzare le relazioni che il bambino ha nella famiglia e a scuola, relazioni che vanno ad incidere sull’efficacia dei percorsi che proponiamo. Per questo, cerchiamo di guardare al bambino e alle sue relazioni tenendo conto degli elementi che possono influenzare i disturbi per cui siamo contattate e i loro vissuti che determinano la minore o maggiore efficacia dell’intervento. Continua a leggere

Giochi allena-menti! Esperienze di una logopedista

di Giulia Delfino, logopedista

Sono una logopedista e lavoro prevalentemente con l’età evolutiva; adoro conciliare il mio lavoro con una particolare passione, ovvero quella dei board games, cioè i giochi da tavolo.

Non pensate subito alle eterne partite a Monopoli o Risiko, perché le tipologie dei giochi da tavolo sono davvero le più disparate.

giochi filler

In particolare in questo articolo vorrei parlarvi dei giochi filler, letteralmente  riempitivi, che hanno la caratteristica di essere molto veloci, con poche regole chiare e precise e dal divertimento assicurato. Continua a leggere

Mamma Logopedista Risponde: servizio gratuito per genitori

Cari mamme e cari papà che mi seguite,

è nata una nuova idea per rispondere alle tante domande e dubbi che mi ponete ogni settimana; è ormai impossibile rispondere direttamente a tutti perché le richieste sono davvero troppe.

Per questo nasce il nuovo gruppo Facebook Mamma Logopedista risponde.

Perché un gruppo?  Oltre alla oggettiva difficoltà di dare risposte in tempi utili e non farvi aspettare troppo, ho pensato che una condivisione tra famiglie possa essere più proficua per tutti, per un confronto non solo sugli aspetti più “tecnici” delle mie risposte,ma anche sul vissuto emotivo dei genitori di bimbi che hanno difficoltà linguistiche.

Il gruppo è partito ad inizio anno e contiene già i video delle prime tre dirette, ecco i temi già affrontati:

19.01.2018: Bimbi che parlano poco

16.02.2018: Strategie utili per stimolare il linguaggio nei bambini che parlano poco

02.03.2018: Bimbi che parlano poco – stimolare l’attenzione al linguaggio e l’ascolto

Il programma continua secondo questo calendario: Continua a leggere

Incontro gratuito – Stimolare il linguaggio dei bambini: strategie utili e cosa evitare

Il tuo bimbo sta imparando a parlare?

Secondo te parla poco o meno di quanto dovrebbe?

Se sei di Parma o dintorni ti aspetto per un incontro gratuito rivolto ai genitori, agli educatori di nido e materna, ai nonni …

martedì 20 marzo 2018 ore 18,30

Studio di Neuropsicologia e Logopedia  Parma

via Magawly 6/a – Parma

L’incontro è pensato per dare indicazioni applicabili da subito nella vita quotidiana del tuo bimbo e per evitare che tu faccia gli “errori” più comuni che derivano dalla preoccupazione che il bambino non parli.

Creare il giusto atteggiamento comunicativo è sufficiente per ottenere i primi cambiamenti positivi e per preparare la strada affinché le parole del tuo bimbo aumentino o diventino più corrette.

L’incontro è particolarmente adatto a chi ha bambini sotto i 4 anni di età.

La partecipazione è gratuita, ma per il numero limitato di posti è necessaria la prenotazione via mail o telefono: logopedia@logopediaparma.com – 3494454277

***

Se non riesci a partecipare, ma ti interessa approfondire queste conoscenze, puoi iscriverti al gruppo Facebook Mamma Logopedista risponde, ti aspetto.

 

Trattamento logopedico dei Disturbi del Linguaggio: il ruolo del gioco

di Chiara Baioli, Logopedista

Quando il proprio figlio accede ad un percorso logopedico per un disturbo o difficoltà più specifiche del linguaggio, è naturale per un genitore chiedersi in che modo il logopedista organizzerà il lavoro, come riuscirà a coinvolgere il piccolo su questi aspetti e a quali tecniche farà ricorso per stimolarne il linguaggio.

Premesso che ogni situazione è differente, e che il logopedista deve essere in grado di capire quale metodologia si adatta meglio al bambino che ha di fronte, è possibile individuare nella letteratura almeno tre modalità di approccio logopedico: quello diretto, quello naturalistico e quello ibrido. Continua a leggere

Puntini, parole volanti e prime combinazioni di parole

Guest post di Jenny Rio, Logopedista

VERBA VOLANT

Il linguaggio che utilizziamo quotidianamente con i nostri bambini per chiacchierare, spiegarci, fare domande e dare risposte, è costituito da sequenze di suoni che si susseguono rapidamente.

Chi parla articola questi suoni in modo veloce e, possibilmente, accurato e chi ascolta li percepisce e li decodifica altrettanto velocemente, riconoscendo le parole e i loro significati.

Quando una mamma o un papà propone sorridendo al proprio bambino di giocare con la palla dicendo: “Giochiamo con la palla”, usa una sequenza ordinata di suoni strettamente legati gli uni agli altri nella loro articolazione e caratterizzati da un’intonazione tutta particolare adeguata al contesto di gioco.

/ʤoˈkjamokonlaˈpal:a/   Continua a leggere

Sportello gratuito per genitori nella Giornata Europea della Logopedia – 6 marzo 2018 e incontro gratuito sul Plurilinguismo

Come ormai da tradizione, inizia oggi sul blog Mamma Logopedista il Mese della logopedia 2018 con il contributo di molti colleghi.

cos’è il mese della logopedia

Approfittando della ricorrenza della Giornata Europea della Logopedia che cade il 6 marzo, da alcuni anni dedico l’intero mese di marzo alla pubblicazione di articoli e testimonianze di colleghi, genitori e studenti sul mondo della Logopedia.

Perché?

Perché, come sai se mi segui, io mi dedico in particolare ai disturbi del linguaggio in età prescolare, tuttavia la logopedia è molto di più! Spazia dal neonato all’anziano e dalla neuropsicologia alla sfera più organica. Insomma un vastissimo campo d’intervento che da sola non posso certo raccontarvi e i contributi di altre persone non possono che contribuire a far conoscere meglio questa bella professione.

sportello logopedico gratuito a parma

Vorrei però contribuire in modo concreto alla Giornata Europea della Logopedia, perciò ho pensato che proprio martedì 6 marzo attiverò presso il mio studio a Parma uno sportello logopedico gratuito per le famiglie. Continua a leggere

17 febbraio 2018: Giornata Mondiale SMOF con l’iniziativa “Studi aperti” in tutta Italia

 

Il 17 febbraio sarà la Giornata Mondiale della Motricità Orofacciale il cui tema sarà, per quest’anno” la parola.

Per questa occasione SMOF Italia, ha avviato una iniziativa a scopo di prevenire condizioni di squilibrio orofacciale che, a lungo termine, incidono anche molto pesantemente sullo sviluppo della persona, sia in termini di funzioni (respirazione, masticazione deglutizione) che posturali e di salute (danni temporomandibolari e altro).

L’attività di prevenzione e formazione portata avanti da Smof Italia è importantissima, ma ancora poco conosciuta, o almeno non tanto quanto meriterebbe.

L’iniziativa quest’anno prevede “Studi aperti” su tutto il territorio Italiano in cui si forniranno consulenze gratuite sui possibili percorsi che la persona può seguire, sia in termini di valutazione che di trattamento riabilitativo.

Potete trovare l’elenco completo dei professionisti che aderiscono: ELENCO COMPLETO.