Linguaggio

Il mio bimbo ancora non parla, ma urla spesso per attirare la mia attenzione: come mi devo comportare?

Questa è una domanda ricorrente dei genitori di bambini piccoli che non parlano o non parlano poco:

“Il mio bambino non parla, ma urla molto, come per attirare l’attenzione, io gli dico che non serve, di non urlare, ma lui continua e noi non ne possiamo più!”

In effetti è vero, questa è una modalità comunicativa che sarebbe meglio disincentivare fin da subito perché rischia di radicarsi e portare il bambino a comportarsi in questo modo anche fuori da cosa.

Il problema è che non basta dirgli “non fare così”, “ti ascolto”, “non sono sordo” … spesso quando un bambino urla per richiamare l’attenzione, in quel momento non è sintonizzato all’ascolto, ma è solo intento a chiamare. Come fare allora?

Bisognerebbe fargli sperimentare nuove reazioni al suo comportamento ogni volta che si presenta, in modo da estinguerlo gradualmente: come?

  1. Usare la prossemica: ogni volta che inizia ad urlare per attirare ‘attenzione è necessario avvicinarsi immediatamente a lui e abbassarsi all’altezza dei suoi occhi come a dire “sono qui”; questo comportamento induce in modo quasi automatico il bambino ad abbassare la voce perché naturalmente siamo molto vicini.
  2. Non arrabbiarsi: se vogliamo estinguere questa sua modalità comunicativa è fondamentale non arrabbiarsi, perché se lo facessimo, saremmo noi stessi ad alzare la voce e caricare ancora di più il bambino.
  3. Abbassare la voce: contemporaneamente all’avvicinarsi fisicamente a lui, dovremmo parlargli abbassando la voce, in modo che per sentirci sia costretto a non urlare. Cerchiamo di non dirgli “non urlare” o “non fare così”, ma semplicemente “Eccomi” oppure “ti ascolto”
  4. Scegliamo un giorno in accordo con i nonni e le maestre (se il problema si presenta anche a scuola) e diamoci un po’ di tempo per testare questa strategia. Ogni volta che si innesca il comportamento sbagliato, cerchiamo di comportarci sempre in questo modo: avvicinarsi senza arrabbiarsi e parlare con lui con un tono di voce basso e tranquillo.
  5. Eliminare rumori di fondo: nelle nostre case spesso c’è un costante rumore di fondo creato da tv, musica, computer … rumori e non voci. Questo può portare il bambino a ridurre la sua attenzione al linguaggio e alle voci degli altri. Cerchiamo di creare un ambiente di voci e non di “rumore da televisione” in modo da aiutarlo a concentrarsi sull’ascolto del parlato.

Evitare l’insediarsi di modalità comunicativa devianti come questa è molto importante, ma soprattutto ci obbliga a essere dei buoni modelli e riflettere prima di tutto sulle nostre modalità di stare con gli altri.

Questo comportamento può essere più frequente nei bambini che faticano a partire col linguaggio o che parlano poco, a maggior ragione sarebbe importante aiutarli a sintonizzarsi meglio sulla voce di chi parla con loro ed abbandonare modalità che si rivelano dannose prima di tutto per loro stessi.

Share Button

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.